Una figura misteriosa si aggira per Torino: «Chi è Mister Pink?»

Fonte: diarioditorino.it

414585-995x518

Torino in rosa (© Roberto Barranca)

Sono giorni ormai che assistiamo alla comparsa di panchine rosa, turet rosa, biciclette rosa… Perchè? Chi è il misterioso «vandalo-artista» che sta dipingendo Torino di rosa?

TORINO – Si infittisce sempre più il mistero che aleggia dietro al vandalo (o artista? non sta a noi giudicare), che negli ultimi tempi ha fatto del rosa la sua firma e di Torino la sua tela. Camminando tra le vie del centro città, ogni tanto l’occhio registra un anomalia: una macchia di rosa acceso dove prima non c’era. Una panchina, un parchimetro, una cabina del telefono, una bicicletta, una cassetta della posta, oggetti banali ma rigorosamente pink. Perchè lo faccia o quale sia la sua identità è un enigma ancora irrisolto, quel che è certo però è che il misterioso cultore del rosa sta facendo parecchio parlare di sé

414585_1-995x746

Panchina piazza Bodoni (© Renato Proietti)

Il mistero di Mister Pink
Il web lo ha ribattezzato «Mister Pink» o «Pantera Rosa», identificandolo con il suo colore simbolo. Nulla di più ci è dato di sapere sull’identità di questa figura misteriosa che, dopo aver dato una mano di rosa agli oggetti scelti, scappa senza lasciare traccia. Se da un lato poi l’uomo (o la donna, chissà) ha dimostrato una certa cura nella realizzazione dei suoi lavori, come nel caso della cabina del telefono pubblico di cui ha risparmiato display e bottoni per renderla ancora utilizzabile, lo stesso non si può dire per la panchina di piazza Bodoni. In questa occasione infatti a fare le spese della “foga artistica” di Mister Pink è stata la pavimentazione sottostante la panchina, rosa anch’essa a lavoro ultimato.

414585_2-995x662

Cabina del telefono (© Mauro Cavazzi)

Perchè rosa?
Non si sa chi sia, ma si possono fare delle congetture sul perchè abbia scelto di legarsi al colore rosa. C’è chi ipotizza che sia una sorta di reazione alla violenza degli scontri avvenuti il Primo maggio a Torino, teoria abbandonata rapidamente, vista la diffusione delle «operazioni rosa» anche a distanza dalla manifestazione. Un richiamo al mondo femminile sembrerebbe d’obbligo, dopotutto a Torino persino la Mole si tinge di rosa in onore del gentil sesso durante la festa dell’8 marzo. C’è poi chi ritiene che il tema del rosa sia da ricondurre al Giro d’Italia. Tutte le ipotesi restano aperte, finchè non sapremo di più sull’identità e sulle motivazioni che spingono Mister Pink a dipingere di rosa il centro città.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *